Pillole d’inglese-3

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine-3.png



Verbi inglesi utili con significati simili: corretto utilizzo

To show, exibit, display, expose, flaunt

  • to show, (+off): mostrare, presentare in modo da suscitare attenzione (“To show interest in a school project”, “Show your tongue to the doctor”): richiamare insistentemente attenzione verso qualcosa/qualcuno (“He shows off his ability in a great variety of music”)
  • to exibit: esibire, ostentare (“The actress exibited her new look”)
  • to display : esporre in modo da essere visibile (“The showroom displayed all the paints of the artist” ) > come sostantivo: schermo (TV, PC, Cellulare, ecc.)
  • To expose: scoprire, svelare, rendere visibile (“the policeman exposed the awful truth”, “Low tide usually exposes various litter in Venice’s canals”)
  • To flaunt: mostare senza vergogna, ostentare, a volte in modo offensivo (“He flaunted his new girlfriend in front of his wife”)

Vi serve una traduzione o un servizio di editing? contattare qui



Pillole d’inglese-2

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è immagine-3.png



Verbi inglesi utili con significati simili: corretto utilizzo

To speak, to say, to tell, to talk, to state, point out

  • To speak: parlare (In the hospital: “please don’t speak loud”; at the end he will speak to his friend)
  • to say : dire (we said to her: “drive carefully!” ; “don’t say silly things!”)
  • To tell: raccontare, dire (He told me that he took the bus to Venice; she told us how she escaped)
  • To talk: parlare, chiacchierare (he was talking with her in his office)
  • To state: affermare, dichiarare (the prime minister stated that the economy was getting better).
  • To point out: precisare (he pointed out that we would leave on 9 o’clock)

Vi serve una traduzione o un servizio di editing? contattare qui



Pillole d’inglese-1


Verbi inglesi utili con significati simili: corretto utilizzo

To watch, to look at, to stare at, to see, to observe, to notice

  • To watch: guardare qualcosa/qualcuno in movimento o per un certo tempo (They watched the men working all day/he watched the football match on TV)
  • to look at : guardare in particolare qualcosa/qualcuno (she looks at the pink flower)
  • To stare at: fissare, guardare insistentemente qualcosa/qualcuno (that man stared at me in the bus)
  • To see: vedere in generale (do you see that car?/ I’ve lost my glasses have you seen them?) Si usa to see per gli eventi pubblici, come concerti, partite, spettacoli ecc. (have you seen the last concert of Vasco?)
    Attenzione: to see ha anche il significato di understand (capire): do you see what I mean?
  • To observe: osservare qualcosa/qualcuno – significato simile a to watch (she observed the way he walked)
  • To notice: notare, accorgersi (they noticed he was running away)

Vi serve una traduzione o un servizio di editing? contattare qui

Sulla guerra in Ucraina

(esempio di traduzione)

Il testo che segue è stato tradotto dall’originale in lingua inglese:

The war in Ukraine could hardly be going worse for Putin. Don’t assume he agrees.” (da: The Washigton Post, Eugene Robinson, 17 marzo 2022)

La guerra in Ucraina non potrebbe andare peggio per Putin. Ma non dare per scontato che egli sia d’accordo.

“È difficile per me immaginare come la guerra in Ucraina possa andare molto peggio per il presidente russo Vladimir Putin. Ma non è affatto chiaro se Putin sarebbe d’accordo. E per quanto sconcertante possa sembrare la sua prospettiva, deve essere presa sul serio.

Ciò che sembrava sulla carta potenzialmente una passeggiata attraverso quello che una volta era il cestino del pane dell’Unione Sovietica si è trasformato in un duro lavoro, con i progressi russi a terra ora in gran parte in stallo, secondo le valutazioni dei servizi segreti statunitensi e britannici. Mentre la guerra entra nella sua quarta settimana, la Russia non ha ancora raggiunto la superiorità nell’aria, tanto meno la supremazia che consentirebbe ai suoi aerei di volare a piacimento. Le città più grandi dell’Ucraina rimangono nelle mani del governo, anche se l’assedio russo di Mariupol è diventato sempre più sinistro.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky non è fuggito alla prima salva dell’artiglieria russa, ma piuttosto è rimasto con aria di sfida a Kiev, diventando un comandante ispiratore in capo e un eroe internazionale iconico. L’alleanza NATO, invece di indugiare o litigare, si è unita come mai prima d’ora per fornire all’Ucraina aiuti militari, prendersi cura di oltre 3 milioni di rifugiati e guidare il mondo nello strangolare l’economia russa con sanzioni senza precedenti.

È possibile affermare che Putin ha perso la guerra? No, perché sarebbe un errore sottovalutare la capacità dei militari russi di riorganizzarsi. Ed è del tutto poco chiaro che Putin creda di aver perso qualcosa.

Attacchi indiscriminati con razzi e missili contro obiettivi civili come condomini, scuole e ospedali sembrano a me — e a quanto pare al Presidente Biden — crimini di guerra da manuale. Il maltrattamento quasi sadico di Mariupol — compreso il bombardamento di un teatro che veniva utilizzato come rifugio da centinaia di residenti — non ha ancora fatto crollare la città. Ma tali tattiche di assedio possono alla fine funzionare, anche se non ci sarà molto a sinistra di Mariupol che i russi possano occupare.

È difficile immaginare che Putin avrebbe cercato di ripetere questo tipo di devastazione insensata in città come Odessa, Leopoli e Kiev. Ma se il suo discorso al popolo russo di mercoledì, che ai miei orecchi sembrava folle, fosse un accurato riflesso della sua visione del mondo?

È possibile che egli creda seriamente che i russi che si oppongono all’invasione dell’Ucraina siano “feccia e traditori”, che ci debba essere “un’auto-purificazione naturale e necessaria” della società russa e che i suoi avversari in patria e all’estero abbiano “un unico obiettivo: la distruzione della Russia”. Sembra credere che sia il suo destino quello di rendere di nuovo grande la Russia, e che questa grandezza includa necessariamente l’effettiva reintegrazione dell’Ucraina nell’impero.

Nulla di ciò che sta facendo sembra servire quello che noi negli Stati Uniti potremmo definire l’interesse nazionale della Russia. Prima dell’invasione, Putin era il sovrano incontrastato di una cleptocrazia a reddito medio con legami redditizi con le ricche democrazie dell’Europa e dell’Asia; oggi guida uno stato paria tagliato fuori dai sistemi finanziari e dalle catene di approvvigionamento globali. Prima dell’invasione, la potenza militare della Russia era universalmente rispettata e temuta; oggi le forze armate di Putin si rivelano pesanti, mal equipaggiate e immotivate.

Ma nulla di tutto ciò può importare a Putin se crede davvero che l’obiettivo dell’Occidente sia quello di confinare e sminuire la Russia. Se l’invasione ucraina fosse stata un semplice avventurismo, Putin avrebbe potuto tornare indietro. Considerare la possibilità che stia dicendo la verità quando dichiara che questo è un conflitto esistenziale potrebbe essere la chiave per trovare una via d’uscita.

Per tre terribili settimane, il popolo ucraino è stato un’ispirazione. Zelensky ci ricorda Winston Churchill, ma credo che sarebbe il primo a dire che il suo coraggio impallidisce accanto a quello degli ucraini che stanno di fronte ai carri armati russi e alzano il dito medio quando gli aerei da guerra russi volano in alto. Hanno combattuto per ogni centimetro quadrato della loro patria con ferocia impressionante.

Il merito va anche all’amministrazione Biden per la sua abile gestione della crisi. Biden ha saggiamente visto fin dall’inizio che un’azione coordinata da parte di un’ampia alleanza di nazioni avrebbe avuto un impatto molto maggiore di qualsiasi azione unilaterale da parte degli Stati Uniti. Ha trovato un attento equilibrio che consente agli Stati Uniti di armare l’Ucraina senza impegnarsi in una zona di divieto di volo che potrebbe richiedere ai piloti statunitensi di impegnarsi non solo in Ucraina ma anche nella stessa Russia.

Logicamente, la migliore linea d’azione di Putin a questo punto sembrerebbe trovare un modo per dichiarare la vittoria e ritirarsi. Ma Putin potrebbe non essere impegnato in quella che considereremmo una ponderazione spassionata di pro e contro. Dovrebbe pentirsi di tutta questa tragica disavventura, ma potrebbe non farlo. Il che significa che ci potrebbe essere ancora molta più tragedia se egli si impegnasse nei suoi termini invece dei principi per i quali l’Ucraina e il resto del mondo stanno lottando.

New: Servizio di editing/correzione bozze

Un servizio di qualità ad un costo abbordabile

Photo by Suzy Hazelwood on Pexels.com

Avete un testo/manoscritto di un romanzo o di un racconto che vorreste presentare a una casa editrice, e avete dei dubbi sulla correttezza del vostro italiano (o inglese)?
Posso aiutarvi a renderlo presentabile e appetibile per la pubblicazione tradizionale o per il self-publishing mediante la correzione ortografico-grammaticale e/o stilistica.

È sufficiente inviarmi via email qui il vs. manoscritto in formato Word e vi verrà fornito un preventivo con costi sicuramente inferiori a quelli normalmente praticati dalle agenzie letterarie o dagli editori. I costi sono proporzionati alla lunghezza del testo e calcolati in base alla cartella editoriale da 1800 caratteri compresi spazi.

English idioms (2)

“Speak of the devil”

“parlare del diavolo” in italiano: “parli del diavolo e spunta la coda

Si usa per indicare una persona che appare proprio nel momento in cui se ne parla.
Esempio: “Hi Tom, speak of the devil, I was just telling Sara about your new car

“Once in a blue moon”
“una volta nella luna blu” In italiano: “Ogni morte di papa

Si usa per parlare di una cosa che si verifica infrequentemente.
Esempio: “I only go to the cinema once in a blue moon”

English idioms (1)

Congratulations for throwing your hat into the ring!

Si usa per annunciare che qualcuno partecipa a un concorso come candidato (un concorso letterario, una candidatura politica, un incontro sportivo, ecc.)

Questa espressione deriva dallo sport della boxe. Nel passato se una persona voleva combattere poteva lanciare il suo cappello nel ring come atto di sfida.

La traduzione specialistica: un esempio.

Spesso quando si parla di traduzione specialistica si tratta di argomenti riservati agli “addetti ai lavori” ma può anche essere rivolta ad un pubblico più vasto, assumendo così la valenza di divulgazione.

Un buon traduttore, quindi deve entrare nell’ambito specifico della terminologia utilizzata essendo auspicabile la sua conoscenza della materia.

Per informazioni e preventivi senza impegno: contattare qui

Tradurre…

Fiducia con pennarello blu — Foto Stock

Tradurre è raggiungere l’altra riva.

Passando da un saggio storico, a un testo di fiction (racconti, romanzi), per arrivare a un white paper che descriva le caratteristiche tecniche e le prestazioni di un nuovo apparato, alle slides di una presentazione che debba essere compresa in un contesto internazionale, a una tesi di laurea che comprenda articoli, fonti, citazioni in inglese o francese,  a comunicazioni business con corrispondenti all’estero (proposte commerciali, offerte, ecc.), alla localizzazione di pagine web per produttori italiani che vogliano farsi conoscere nel mondo, per arrivare a un manuale tecnico che spieghi come funziona quel nuovo dispositivo appena commercializzato e… altro ancora.

Ce ne sono tanti di motivi per chiedere una buona traduzione nel suo giusto contesto! .

  1. Lingue di partenza: inglese-francese ; lingua di arrivo: italiano
  2. Lingua di partenza: italiano; lingua di arrivo: inglese

Per informazioni e preventivi senza impegno: contattare qui